software libero
Software Libero

Il Software Libero

Occorre fin dall’inizio chiarire che Software Libero non significa unicamente software gratuito, per meglio spiegare la differenza tra libero e gratuito solitamente si dice che il software libero “è libero come il pensiero e non gratuito come una birra“.

Con Software Libero si identificano tutti i Sistemi Operativi ed i Programmi caratterizzati dall’avere le condizioni di utilizzo che garantiscono sempre le seguenti quattro libertà fondamentali:

libertà 0 o libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo
libertà 1 o libertà di studiare il programma e modificarlo
libertà 2 o libertà di ridistribuire copie del programma
libertà 3 o libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti

Utilizzare software libero vuol dire anche poter compiere delle scelte etiche e non di accettare qualcosa a scatola chiusa.

Scelta di Libertà

La libertà di un software è dovuto alla disponibilità del suo codice sorgente e questa è la condizione fondamentale. Il codice sorgente deve essere leggibile da chiunque abbia le dovute competenze per comprendere l’esatto comportamento del programma, poterlo analizzare, studiare ed eventualmente apportare delle migliorie.
Questa è la principale differenza con il software proprietario, infatti l’utilizzatore di programmi proprietari accetta a “scatola chiusa” e non può sapere come lavora e le eventuali funzioni nascoste durante l’esecuzione.
Non è assolutamente da sottovalutare l’aspetto che i documenti creati con software proprietario sono spesso utilizzabili solamente con lo stesso software, creando una sorta di “dipendenza” se si prende in considerazione un cambio di piattaforma software.
Con il software libero invece i documenti prodotti possono integrare anche il supporto per formati e protocolli differenti per utilizzati da altre applicazioni ed estendere di molto l’interoperabilità.
Inoltre, favorisce l’indipendenza tecnologica, la diffusione del sapere, l’abbassamento delle barriere di accesso alla tecnologia, stimola la concorrenza e dà sostegno all’economia locale.

Scelta di Legalità

Chi utilizza software libero può ridistribuirlo liberamente e, soprattutto, legalmente, può utilizzare lo stesso programma in più computer e utilizzarlo per tutti gli scopi che vuole. Viceversa con il software proprietario è illegale distribuire copie, è illegale utilizzare lo stesso programma in altri computer e naturalmente non si può accedere al codice sorgente in quanto è ritenuto segreto industriale. Acquistando software proprietario poi, si acquista solamente il permesso di utilizzarlo, e comunque sempre con stretti vincoli e limitazioni.

Scelta Etica

Le somme ricavate dalla vendita di software proprietario sono ad eclusivo appannaggio (lecito, ci mancherebbe) della azienda produttrice (spesso una multinazionale straniera con sede fiscale al di fuori dell’Italia) che ne detiene tutti i diritti di uso e ridistribuzione.
Tutto l’investimento di un programma libero (in termini di correzioni, miglioramenti, documentazione ecc.) va invece a beneficio di tutti coloro che lo usano. Il software libero favorisce l’indipendenza tecnologica, la diffusione della conoscenza e del sapere, riduce il cosiddetto “digital divide” e dà sostegno a imprese del territorio.
Utilizzare Software Libero è una scelta responsabile in tutti i campi di impiego, soprattutto nel caso della Pubblica Amministrazione che, impiegando denaro pubblico, dovrebbe preferire l’utilizzo di software libero per produrre documenti in formati accessibili a tutti e garantendone la disponibilità futura. Il Software Libero, favorisce l’indipendenza tecnologica, la diffusione del sapere, l’abbassamento delle barriere di accesso alla tecnologia, stimola la concorrenza e dà sostegno all’economia locale.
Il Software Libero consente di mantenere per lungo tempo il parco hardware, e, anzi, riutilizzare computer troppo spesso definiti obsoleti solo per soddisfare i sempre maggiori requisiti hardware delle nuove versioni dei programmi proprietari, contribuendo a ridurre la produzione di inquinanti rifiuti elettronici esportati nei paesi africani e asiatici.

Scelta consapevole

Lo sviluppo del Software Libero si basa sugli stessi principi fondanti della comunità scientifica, ovvero il libero scambio delle informazioni, la condivisione di idee e risultati e il libero utilizzo del patrimonio comune delle conoscenze per un ulteriore sviluppo. Senza questi pilastri la ricerca non può progredire.

Utilizzare Software Libero non è poter scaricare e installare un programma gratuito al posto di un programma proprietario, è avere consapevolezza di poter compiere scelte di libertà e di qualità: la trasparenza del codice, dove in molti possono guardarci dentro, è infatti una garanzia non solo della bontà del programma, ma soprattutto della mancanza di linee di codice malevoli o di operazioni eseguibili a nostra insaputa.

 49 Posts 0 Comments 3100 Views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.